sabato 18 aprile 2015

LE VOCI DEI POETI




Il dolce fiato che del vento spira
s’intrufola in ogni piega muta
 risveglia dal sonno ogni poeta
liberato dal chiuso delle mura.

S’aprono come al sole le finestre
e senti riviver gl’immortali
le  battaglie gli amori, le conquiste
nascoste e chiuse dietro vetri scuri.

S’odon cavalli a schiera scalpitare,
onde del mare fremere incessanti
allungar sulla sabbia la lor spuma
 per ritrarsi sempre un po’ più stanche.


Le voci dei poeti ormai son tante,
s’intrecciano sonetti ed inni sparsi
risuonano nell’aria e si disperdono
lasciando dietro sé un dolce balsamo

che come petalo profuma e volano
come farfalle ad ispirar poeti
che cercan d'afferrarne almen la scia
e  scrivere ancora altra  poesia.

Sellia Marina,  15 Dicembre 2012



5 commenti:

  1. Le tue poesie esprimono una grande sensibilità e dignità della tua persona.

    RispondiElimina
  2. Come sempre gentilissima mia cara Caterina

    RispondiElimina
  3. Letta con la gioia del cuore - che bella immagine dei poeti che è stata data. Splendida poesia!

    RispondiElimina
  4. ..e tu sei fra questi Raggio, superandomi

    RispondiElimina

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala