lunedì 9 maggio 2016

I GIORNI DELL'ORCO


Sera di festa, sera che declina
dove buio è il tramonto e si consuma
fra ceri accesi, lumi di preghiera
sprazzi d’argento e l’acqua nera

dove non vedi se alla veste arriva,
morde i polpacci, lega le ginocchia
l’un l’altro in fila, pulcini alla chioccia,

pece che imbriglia mescola col sangue
d’occhi cuciti, denti affilati come lame
fendono a brandelli le tue spalle,

labbra che mordon come caimani
in agguato, alla Savana scende la notte
sulla sepolta civiltà umana.

 Sellia Marina, Aprile 2016


Nessun commento:

Posta un commento

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala