lunedì 13 giugno 2016

MIA TERRA


Cade un fiore e s'apre altro bocciolo
baciato dal sole che l'inonda
gli dà nuovo respiro e s'offre
al guardo tuo meravigliato.

Basta questo a ringraziar tutto il creato
che circonda questa ormai inutile terra
consacrata dal sangue degli eroi
ed innalzata da poeti, artisti,

tutti l' hanno ormai abbandonata!
E canto la dolcezza che mi doni,
forse siam rimasti in pochi ad amarti e soli
ma tu, mia terra, sempre doni regali e ci perdoni.

Sellia Marina, 1 Febbraio 2016
( Premiata con Menzione d'Onore al Concorso "Era in te la luna...", dedicato a  “Caterina Petrone” dall'Associazione Aino  Picard-Trebisacce  )

Nessun commento:

Posta un commento

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala