sabato 3 settembre 2016

LIBERI DALLE RADICI

Or che la terra langue per l’arsura
né più l’uomo rivolta solchi con l’aratro,
vedi salir fra nembi e cirri densi
alberi che di frutti sono carchi.
Vanno lontano, dove nell’ immenso
ogni dolor profondo si consola
dove il mistero viaggia insieme al vento
lassù svaniranno, né sai se torneranno

stanchi o rinvigoriti ma liberi dalle radici.
Sellia Marina, 2 Settembre 2016
( Da “ Kate delle orchidee” )

Nessun commento:

Posta un commento

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala