venerdì 24 febbraio 2017

I SILENZI DELL'ARTE-LA MUSICA


Le eburnee  braccia di Morfeo
ti cingano, Calipso ancora incanta,
danzano ninfe nei ruscelli
come farfalle al suono d’Euterpe
note si diffondono nell’aere,
silenzio e ascolto mentre intorno
Calliope scorre fra le dita
non delle Parche il filo
ma quello della vita scrive,
scivola sopra alberi che  Zefiro
culla con le sue labbra e lo trascina
pungon le dita, spine travolte con le foglie.
Pan ora dorme! Lo zufolo ch’empiva
un firmamento, posa tra l’erba,                                                   
nessuno più lo suona,                                                                   
nessuno lo raccoglie.  
Silenzio eterno
quando dorme l'Arte.                                                  
                                                                                                                    
Sellia Marina, 21 Febbraio 2017

Nessun commento:

Posta un commento

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala