giovedì 13 luglio 2017

LACRIME DELLA LUNA



 Sempre ti cercherò, nei battiti del cuore
di questa terra che ancor langue, muore
per un destino che non ha creato
ed un futuro non previsto mai.

Ti cercherò, fra palpiti di zolle
dove l’aratro ormai non passa più
e l’erba alle radici avvolge
lacrime della luna quando stinge.

Ancor ti cercherò, nella voce del mare
che lamenta, dolore ai remi che più non s’inabissan
nell’onda, il sole ancor l’indora,
l’inonda ma piatta è l’acqua dove è più profonda.

Lassù ti cercherò, fra stelle che si brucian
prima d’esser lucciole nella notte
fiammelle d’una via senza più scia,
lassù mi perderò o troverò

un po’ dell’anima mia.

Sellia Marina, 24 Giugno 2017

2 commenti:

  1. Già titolo rapisce da quanto è "scenico" ... lo si rilegge e non si sa che aspettarsi dai versi. Poi a uno a uno li si legge e l'emozione diventa pura, tangibile e strofa dopo strofa si gode un indecifrabile pienezza di spirito. Non sono un critico d'arte, ma per me, questa è una delle più belle poesie che abbia mai letto! La trovo davvero splendida: emozionante, coinvolgente, bellissima anche nella scelta morfo-sintattica e lessicale! COMPLIMENTI SINCERI ALL'AUTRICE! Francesca

    RispondiElimina
  2. Grazie cara Francesca per questa tua visita e per il commento alla mia poesia, più che lusinghiero. Un tuo apprezzamento è sempre fonte di gratificazione, come sempre sai leggermi nell'anima.

    RispondiElimina

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala