venerdì 19 dicembre 2014

IL MIO ALBERO

video

La capanna che accoglie la Famiglia
è ancora quella che posavi tu,
con pochi pastori ed i Re Magi
in processione, guidati dalla stella
che in cielo brilla, ferma alla capanna.
A sera il Rosario come in chiesa
tutta la famiglia recitava
ora, qualche Ave dico, sola,
prima di addormentarmi nel mio letto.
Natale è tornato un’altra volta
ma  tu non ci sarai,
troppi posti son vuoti e la tovaglia
reclama a gran voce altre presenze,
vuote le stanze, quasi spoglio il presepe.
Gli angeli al cielo volgon lo sguardo,
muta preghiera sale inargentando
i fili del mio albero di Natale.


Sellia Marina, 18 Dicembre 2014


2 commenti:

  1. Alice Gregorini19 dicembre 2014 20:12

    Durante le feste maggiore si sente la mancanza di chi è stato chiamato per primo in cielo, bisogna sorridere lo stesso per chi ci è rimasto accanto e non deve soffrire vedendoci tristi e ... per chi ci vede da lassù e gode di un nostro sorriso! Forte Caterina!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie cara Alice, lo so che bisogna sorridere per chi ci sta accanto ed essere forti anche se non lo siamo …Grazie mia cara compagna

    RispondiElimina

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala