lunedì 4 aprile 2016

FRAGILE FALENA

Sulla strada bianca, vola nella quiete
una candida farfalla:
in agguato, rapida,
la morte stende le sue mani adunche.

Nell'invisibile pallido squallore
il pino allunga la sua smorta ombra,
la luna la riflette e par che dorma
nella serena immensità stellare.

Sogno, perchè nei sogni sempre si dilegua
quella mestizia greve di dolori
che fanno triste l'ombra della sera.

E nella pace effimera
scioglie il suo volo l'anima raminga, silenziosa,
come una bianca fragile falena.

San Pietro Magisano, Ottobre 1976

Noi si andava al mare al Porto di CZ Lido 


4 commenti:

  1. Davvero bella, tenerissimi versi pieni di dolcezza... Caterina Tagliani..un caro saluto e una buona giornata

    RispondiElimina

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala