lunedì 4 luglio 2016

DI TE M'INNAMORAI


Di te m’innamorai sin da bambina,
sentii cantare le gloriose gesta
d’uomini pien di gloria o fantasia.

Una dolcezza infondi che disvela
amori dolorosi oppur felici,
voli d’uccelli, di cipressi a schiera

e corse di cavalli nella notte,
forse  Bucefalo dorme, ma quella storna
 nella sua stalla ancora si lamenta…


E giuramenti, trecce sopra il petto,
frammenti di vetro sopra  muri
sui quali lentamente inerpicarsi.

Di fiori e monti, fiumi, oceani profondi
e navi nell’abisso rivoltate
da un Nettuno offeso inutilmente.

Sere incantate ed infinito spazio…
tutto conosci e tutto già è descritto.
Con te le ore scorrono veloci,

e di te sono ancora innamorata
e sempre torno a te come a mia face.
Aggiungi a quelle d’altri la mia voce!

Sellia Marina,18 Agosto 2011

3 commenti:

  1. caterina tagliani20 agosto 2011 01:05

    Fino a che, Amica Poesia, Musa ispiratrice di ogni mia lirica, continuerai a farmi compagnia, io non sarò mai sola.

    RispondiElimina
  2. La Musa è sempre con lei e lo sarà sempre: piegherà anche la furia di Nettuno e i suoni dolci sveglieranno pure Bucefalo.
    Un affettuoso abbraccio, figlia della Musa.
    Maria S.

    RispondiElimina

Se la mia poesia ti piace, commentala, se non ti piace…ignorala